Carbossiterapia coadiuvante nell’aging cutaneo


La terapia con insufflazioni di CO2 si è dimostrata eccellente per contrastare l’invecchiamento della pelle, migliorare il colore cutaneo, ridisegnare l’ovale del volto, ridurre le rughe superficiali, ridare turgore al collo e al décolleté, per compattare la pelle delle braccia e delle gambe.

L’anidride carbonica oltre a favorire lo smaltimento di scorie e di tossine, svolge la funzione antiaging intervenendo nel processo di rigenerazione cellulare, lasciando la pelle più tonica e compatta.

Il gas viene iniettato sul viso, collo, décolleté tramite microiniezioni superficiali per mezzo di un ago molto fine.

L’utilizzo della carbossiterapia in associazione con la biorivitalizzazione a base di polinucleotidi, aminoacidi, vitamine (A,C, E, B), minerali (Ca, Mg, K, N, Cl) , antiossidanti e acido ialuronico ne potenzia gli effetti e gli rende più duraturi. Non si tratta di un “filler”, quindi un riempimento, bensì di una stimolazione naturale del processo di rinnovamento cellulare con aumento del grado d’idratazione ed elasticità. Alcuni medici estetici utilizzano la carbossiterapia abbinata al peeling e alla mesoterapia con vitamine e sostanze antiossidanti e idratanti. Con il peeling si ottiene un’esfoliazione superficiale media o profonda della cute con successivo processo di rigenerazione cellulare, allo scopo di migliorare un inestetismo cutaneo o di prevenzione e rafforzare l’effetto anti-aging del trattamento. L’azione della carbossiterapia nel ringiovanimento cutaneo e diversa dalle azioni della biorivitalizzazione, peeling o biostimulazione, ma si presenta come complementare ad esse. La pelle ben ossigenata e vascolarizzata, idratata, riceve meglio le azioni delle altre tre procedure presentate.

Un ciclo completo comprende di solito 6/8 sedute, una seduta alla settimana, alternando la biorivitalizzazione con la carbossiterapia o integrandola nella stessa seduta. Il numero e la frequenza delle sedute variano a seconda delle caratteristiche di ogni paziente. I programmi di trattamento sono personalizzati e vengono abbinati anche trattamenti domiciliari. Il mantenimento, una seduta di carbossiterapia al mese.

Per avere un quadro completo clinico e lo status metabolico nutrizionale e funzionale, vengono fatte anche delle indagini metaboliche funzionali con prescrizione personalizzata di integratori, variazioni eventuali nello stile di vita e analisi dei fattori di rischio.

La CDT Evolution (l’evoluzione del Carbomed), dal 2006, anch’essa riconosciuta e certificata nella Comunità Europea e negli Stati Uniti per la regolazione automatica delle caratteristiche fisiche del gas: temperatura, umidità e attivazione per ottenere risultati migliori e più veloci ed eliminare l’eventuale dolore durante il trattamento.

Infatti, grazie alle nuove caratteristiche e ai nuovi programmi della CDT, è possibile usarla per l’anti-aging del viso, collo e décolleté, e anche per trattamenti combinati (es. per l’alopecia).